Corso enac a8 – personale che si occupa del riconcilio dei bagagli (del vettore aereo in autoproduzione e/o dell’handler)

Durata corso iniziale: 6:00 h
Durata corso aggiornamento: 3:00 h
Modalità: Aula, E-learning, Distance learning
Corso indicato per: Handler
Iniziale

Il ‘Corso ENAC A8 – Personale che si occupa del riconcilio dei bagagli (del vettore aereo in autoproduzione e/o dell’handler)’ di Alha Academy è progettato per fornire le competenze necessarie per la corretta applicazione delle metodologie standardizzate di controllo di sicurezza, al fine di salvaguardare l’aviazione civile dal compimento di atti di interferenza illecita.

– Conoscenza degli atti di interferenza illecita già commessi nel passato nell’ambito dell’aviazione civile, degli atti terroristici e dei rischi attuali;

– Consapevolezza dei principali obblighi legali;

– Conoscenza degli obiettivi e dell’organizzazione della sicurezza aerea, compresi gli obblighi e le responsabilità delle persone che effettuano i controlli di sicurezza;

– Capacità di reagire in modo appropriato all’individuazione di articoli proibiti;

– Conoscenza delle procedure di reazione ad una emergenza;

– Conoscenza dei requisiti e delle tecniche per il riconcilio di passeggeri e bagagli;

– Conoscenza dei requisiti di protezione per il materiale del vettore aereo utilizzato per trattare passeggeri e bagagli.

Formazione base sulla Cybersecurity :
– L’importanza di promuovere all’interno dell’organizzazione una cultura sulla consapevolezza della sicurezza informatica;
– Conoscenza delle vulnerabilità che possono incidere sulla sicurezza informatica;
– Descrizione delle potenziali modalità di attacco ai sistemi, compresi i tentativi di social-engineering;
– Descrizione delle misure precauzionali di carattere generale che potrebbero prevenire un attacco o minimizzare le conseguenze;
– Illustrazione delle forme di manifestazione di un attacco che altera le risorse informatiche del sistema o ne influenza il corretto funzionamento;
– Descrizione delle possibili azioni da intraprendere nel caso in cui si sospetti che una qualsiasi parte dell’infrastruttura informatica o il
terminale che si utilizza possano essere stati oggetto di un attacco informatico, comprese adeguate procedure di emergenza;
– Descrizione delle modalità di segnalazione degli eventi che possano essere messi in relazione ad attacchi informatici (es. chi è responsabile
e/o risponde della cybersicurezza nell’organizzazione;
– Illustrazione delle modalità di protezione fisica delle aree sensibili alla cybersicurezza (es. accesso agli asset digitali che implica protezioni fisiche) e regolazione degli accessi alle medesime aree (ad esempio,solo il personale con credenziali adeguate può accedere alle aree esposte a rischi di sicurezza informatica).

Iniziale

Il ‘Corso ENAC A8 – Personale che si occupa del riconcilio dei bagagli (del vettore aereo in autoproduzione e/o dell’handler)’ di Alha Academy è progettato per fornire le competenze necessarie per la corretta applicazione delle metodologie standardizzate di controllo di sicurezza, al fine di salvaguardare l’aviazione civile dal compimento di atti di interferenza illecita.

– Conoscenza degli atti di interferenza illecita già commessi nel passato nell’ambito dell’aviazione civile, degli atti terroristici e dei rischi attuali;

– Consapevolezza dei principali obblighi legali;

– Conoscenza degli obiettivi e dell’organizzazione della sicurezza aerea, compresi gli obblighi e le responsabilità delle persone che effettuano i controlli di sicurezza;

– Capacità di reagire in modo appropriato all’individuazione di articoli proibiti;

– Conoscenza delle procedure di reazione ad una emergenza;

– Conoscenza dei requisiti e delle tecniche per il riconcilio di passeggeri e bagagli;

– Conoscenza dei requisiti di protezione per il materiale del vettore aereo utilizzato per trattare passeggeri e bagagli.

Formazione base sulla Cybersecurity :
– L’importanza di promuovere all’interno dell’organizzazione una cultura sulla consapevolezza della sicurezza informatica;
– Conoscenza delle vulnerabilità che possono incidere sulla sicurezza informatica;
– Descrizione delle potenziali modalità di attacco ai sistemi, compresi i tentativi di social-engineering;
– Descrizione delle misure precauzionali di carattere generale che potrebbero prevenire un attacco o minimizzare le conseguenze;
– Illustrazione delle forme di manifestazione di un attacco che altera le risorse informatiche del sistema o ne influenza il corretto funzionamento;
– Descrizione delle possibili azioni da intraprendere nel caso in cui si sospetti che una qualsiasi parte dell’infrastruttura informatica o il
terminale che si utilizza possano essere stati oggetto di un attacco informatico, comprese adeguate procedure di emergenza;
– Descrizione delle modalità di segnalazione degli eventi che possano essere messi in relazione ad attacchi informatici (es. chi è responsabile
e/o risponde della cybersicurezza nell’organizzazione;
– Illustrazione delle modalità di protezione fisica delle aree sensibili alla cybersicurezza (es. accesso agli asset digitali che implica protezioni fisiche) e regolazione degli accessi alle medesime aree (ad esempio,solo il personale con credenziali adeguate può accedere alle aree esposte a rischi di sicurezza informatica).

ti suggeriamo anche

Torna su